Sei già registrata? Entra oppure Registrati
Biografia

Liz Fielding vive a Merlin’s Fort, nel Galles, una terra leggendaria e disseminata di castelli. Sposata da quasi trent’anni con John, l’uomo che ha conosciuto quando lavorava in Africa, ha due figli e un gattone bianco e nero chiamato Rocky.
Liz ama profondamente la cittadina in cui vive, tanto che non è solita spostarsi spesso. Quest’anno ha fatto un’eccezione, però, ed è partita per Washington, poiché è stata candidata al premio RITA come miglior scrittrice di romanzi d’amore.
Liz sarà felice di risponderti dal suo indirizzo e-mail.

Intervista Strettamente Personale

Generalmente dove ami ambientare i tuoi romanzi?
Nelle cittadine di provincia, accoglienti e belle, come quella in cui sono cresciuta io. Altrimenti a Londra, una città piena di vita e di storia.
Fra i romanzi che hai scritto, qual è il tuo preferito?
The best man and the Bridesmaid.
Quali sono i classici che hai amato di più?
Ce ne sono molti in realtà, ma forse il libro che preferisco in assoluto è Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen.

Che consiglio daresti a chi desidera diventare scrittrice?
Smetti di dire “prima o poi scriverò un libro”, e inizia a farlo!
Il menu di una cena romantica?
Salmone affumicato, mirtilli e champagne.
Il tuo film preferito?
Insonnia d’amore.
E la canzone?
Unchained melody dei Righteous Brothers.
Il regalo più bello che hai mai ricevuto?
Un paio di orecchini di perle che mio marito mi ha regalato in occasione della nascita di nostra figlia.
Il luogo più romantico che hai mai visitato?
Non è facile rispondere a questa domanda. Ricordo con piacere più di una località: le piramidi di Giza, il deserto arabico, le cascate del Niagara.
Qual è il tuo segreto per mantenere vivo l’amore nel tuo matrimonio?
Preparo sempre delle piccole sorprese per mio marito, per esempio delle cenette romantiche per due. Non bisogna mai dare per scontato l’amore del partner.
Hai qualche altro talento nascosto?
No, purtroppo. Mi piacerebbe molto saper dipingere.
C’è una persona che ammiri in modo particolare?
Chiunque non rinunci a perseguire i propri sogni, anche se gli altri li reputano impossibili da realizzare.
Sei superstiziosa?
Certo! Ho un tenerissimo pupazzo che raffigura un drago: è lui il mio portafortuna.
Confessa una tua debolezza.
Il cioccolato svizzero, di tutti i tipi: al latte, fondente, bianco...
Un uomo deve essere…
Onesto, prima di ogni altra cosa.
Un sogno nel cassetto.
Un giro in mongolfiera. Temo che rimarrà un sogno, però.
Se non fossi una scrittrice, saresti diventata…
Immagino che sarei ancora una segretaria.
Nella tua professione, cosa ti dà maggiore soddisfazione?
Vedere pubblicato il mio ultimo libo. Per me è sempre un momento magico. Così come è magico sapere che le mie lettrici lo acquisteranno.
Come trascorri il tuo tempo libero?
Con la mia famiglia, in primo luogo, e poi occupandomi del mio bellissimo giardino.

+ prosegui la lettura dell'intervista
< Torna agli autori con la lettera F